Radio WOW

Siete pronti a fare #WOW

Current track

Title

Artist

Background

«A fuoco lento», il romanzo di cucina che racconta l’importanza della leggerezza (e dell’amore)

Postato da il

Li avevamo lasciati mentre si scrivevano messaggi in chat e email: allora Fabio (che per mesi si era nascosto sotto il falso nome di una donna, Maria) e Francesca, continuavano a scambiarsi ricette, confidenze e corteggiamenti solo virtualmente. Ora l’ingegnere romano single e la bibliotecaria milanese sposata e con due figli protagonisti di Signoramia, tornano in libreria per raccontare come è proseguita la loro storia d’amore e di cucina: lo fanno in A Fuoco Lento (Feltrinelli), il seguito che tutti aspettavamo scritto dalla giornalista Elena Dallorso con l’ingegnere e produttore Francesco Nicchiarelli.

«Questo seguito l’hanno chiesto proprio i lettori», dice Francesco Nicchiarelli. A Fuoco Lento non li deluderà né deluderà chi non conosce la prima parte: è scritto in modo che si possa leggere anche da sé e, proprio come Signoramia, è difficile staccarsene perché succede – ancora una volta di tutto  – ed è raccontato in modo leggero e mai scontato, come abbiamo bisogno ora.

Stavolta Elena Dallorso e Francesco Nicchiarelli hanno chiesto ai loro personaggi di affrontare il complesso passaggio dalla vita virtuale a quella reale. Per una strana coincidenza, o forse un segno del destino, in A Fuoco Lento Fabio e Francesca si ritrovano infatti nella stessa città e nella stessa cucina, a Roma, e da qui riparte la loro storia (insieme agli stravolgimenti emotivi). «La passione per i fornelli – dice Elena Dallorso – può far nascere o consolidare un amore, ma contemporaneamente è altissimo il rischio che mandi tutto all’aria perché la cucina è uno spazio molto, molto, delicato. Fabio e Francesca se ne rendono conto subito: sono due persone che sul web hanno trovato un linguaggio in comune parlando di ricette ma poi, quando si ritrovano per davvero insieme davanti ai fornelli, un luogo in cui ognuno ha le sue manie e i suoi modi di fare, devono affrontare delle tensioni perché l’uno cerca di prevaricare sull’altro». «Da qui – prosegue Francesco Nicchiarelli – nasce l’idea del titolo: A Fuoco Lento è un monito a non alzare la fiamma perché la costruzione di un rapporto, come per tanti piatti ben fatti, richiede tempo e pazienza».

Il perché lo si capisce sfogliando le pagine del libro, ancora una volta pieno (anche) di ricette, come sempre provate dagli autori (grandi appassionati di cucina). In Signoramia il piatto simbolo erano i tonnarelli cacio e pepe, in a Fuoco Lento invece sono due: le palle di riso e la cipuddata. Le prime di Francesca – sobria, sempre elegante, precisina, una di quelle che vogliono tenere la vita sotto controllo che però stavolta sembra traballare -, la seconda è di Fabio, che in questo nuovo capitolo della storia compare più pomposo e pedante che mai, ma anche molto più appassionato. «Palle di riso e cipuddata – dice Elena Dallorso – sono come due approcci alla vita: la cipuddata è un piatto aggressivo per l’olfatto e non solo, mentre le palle di riso sono una cosa eterea. È la ricetta delle  mamme giapponesi: leggera e genuina, semplice». Perché la leggerezza è importante, e non è solo una cosa da donne.

«Amici uomini – continua Francesco Nicchiarelli – mi chiedono perché dovrebbero leggere il libro in quanto uomini, pensando sia per sole donne: io rispondo che dovrebbero farlo non solo perché è un libro che solletica la curiosità di chi è appassionato di cucina, ma anche perché questo libro li può aiutare a comprendere concetti relativi all’amore che altrimenti sarebbe difficile capire. Spesso noi maschi non ci rendiamo conto che l’approccio con una donna passa anche da elementi non programmabili, e quindi dalla leggerezza. Questa scoperta può essere interessante e produttiva». «La leggerezza è fondamentale: non è stupidità, vuol dire dare alle cose l’importanza che meritano. È su questo che abbiamo costruito la nostra storia», conclude Elena Dallorso. Una storia bella, contemporanea, che fa sorridere e che ci insegna a non prenderci troppo sul serio perché la vita può cambiare, da un momento all’altro. La rivedremo presto in tv: la storia di Fabio e Francesca sta per diventare una serie.




L’articolo originale «A fuoco lento», il romanzo di cucina che racconta l’importanza della leggerezza (e dell’amore) lo potete trovare al seguente Link